La mia Storia

La mia carriera è cominciata per caso.

Siamo nel lontano 2000 e io ero proprietario di un appartamento a Bellinzona che ad un certo punto ho deciso di vendere.

Avevo sentito parlare di questa nuova agenzia immobiliare che stava spopolando, la RE/MAX, e mi sono quindi rivolto a loro.

Il consulente che mi era stato assegnato mi disse che questo grande gruppo era alla ricerca di nuovi agenti. Dopo essermi informato un po’ ho deciso di buttarmi in questa nuova sfida.

L’inizio e stato un po’ duro. Ma visto che RE/MAX a quei tempi era qualcosa di nuovo e dalla forza prorompente i primi risultati non tardarono ad arrivare. La crescita del gruppo è stata a dir poco fulminea. In poco tempo eravamo 96 agenti (novantasei!!) dislocati in tutto il Ticino.

Ma è chiaro che una crescita così veloce non era sostenibile. O quantomeno non poteva andare di pari passo con la qualità. Infatti c’erano molti agenti che cominciavano, rimanevano alcuni mesi, si rendevano conto che il lavoro non faceva per loro e se ne andavano. Mai visto un via vai così!

Il fatto è che non se ne andavano solo quelli scarsi. Anzi!

Quelli bravi, dopo aver imparato il mestiere e guadagnato un gruzzolo sufficiente si mettevano in proprio e aprivano la loro agenzia immobiliare. Facendo di fatto concorrenza alla stessa RE/MAX.

Risultato:

  • Con tutte queste agenzie immobiliari che si scannavano tra loro per accaparrarsi un mandato di vendita e soprattutto
  • con tutti gli errori e i guai procurati da quelli che si improvvisavano agenti immobiliari per poi accorgersi che non faceva per loro

la qualità del lavoro era calata parecchio.

La prova di questo calo la si poteva leggere nella difficoltà sempre più evidente nel farsi firmare mandati in esclusiva. I clienti, a causa di alcuni agenti scorretti o semplicemente poco capaci (che promettevano cose impossibili) si ritrovavano con un contratto firmato e nessuno che si occupava della vendita del loro Immobile.

Morale della favola: il cliente doveva arrangiarsi a vendere casa da solo. E alla fine doveva pure pagare il 50% della provvigione all’agenzia, così come previsto dal contratto! Era ovvio e inevitabile che con questo modo di operare le persone avessero sempre meno fiducia nella categoria.

Arriviamo al 2006: decido di aprire la mia propria agenzia immobiliare insieme ad un altro socio. L’ennesima agenzia sul mercato! La mia unica strategia era di fare come avevo sempre fatto e, in generale, come fanno tutti gli altri miei colleghi.

I risultati però erano altalenanti e certamente non eccezionali. Si sopravviveva ma senza grandi soddisfazioni. La verità è che c’era troppa concorrenza. Con la differenza che adesso i nostri concorrenti non erano più tanto le altre agenzie immobiliari, perché con loro, volendo, si poteva pure collaborare e dividere la torta.

No, il concorrente più pericoloso e più forte era diventato il privato stesso.

Il motivo? Si erano da poco affacciati sul mercato alcuni siti di annunci gratuiti e molti privati erano riusciti a vendere la loro casa da soli. E senza dover pagare la commissione alle agenzie immobiliari!

Solo qualche anno prima la gente comune non avrebbe mai messo annunci sui siti specializzati, costava molto e lasciava questo compito alle agenzie Immobiliari che venivano comunque pagate profumatamente.

Insomma:

  • il lavoro era diventato sempre più difficile e privo di vere soddisfazioni,
  • si guadagnava molto meno (grazie alla grande concorrenza siamo passati in pochissimo tempo dal 5% al 3% di provvigione)
  • il privato preferiva fare da solo per non pagare le provvigioni
  • e i siti (gratuiti e non) facevano soldi a palate.

Io sono entrato in crisi. Non vedevo più come potevo essere utile alle persone. Che senso ha affidarsi ad un’agenzia Immobiliare quando posso vendere rapidamente e senza pagare commissioni mettendo un semplice annuncio su Internet?

Ero confuso e scoraggiato.

C’era un mio collega che andava a casa delle persone che mettevano il loro immobile in vendita e li convinceva a togliere il loro annuncio da internet per poterlo mettere lui, per avere così la possibilità concreta di vendere e incassare la provvigione. Ma era normale? Che modo di lavorare era? Che strategia è “Togli il tuo annuncio che metto io il mio”? Era sicuramente più bravo di me a vendersi, su questo non c’è dubbio. Ma io non me la sentivo di giocare a questo gioco. Per me non aveva senso.

Mi ero quindi convinto che l’agenzia immobiliare non serviva più e che era meglio starsene alla finestra per un po’ e vedere come evolvevano le cose. Ho deciso quindi di chiudere la mia agenzia.

Andavo comunque avanti con i miei piccoli investimenti immobiliari ma io stesso mi rendevo conto che c’erano migliaia di immobili in vendita sui siti gratuiti e su quelli a pagamento.

C’era troppa offerta, i potenziali acquirenti si confondevano e non sapevano più orientarsi in quella giungla di offerte.

Nel frattempo le richieste per i miei annunci diminuivano costantemente e io non capivo come mai.

Qualche mese dopo, per caso, ho incontrato un ragazzo giovane e intraprendente con la fissa del Marketing.

In poco tempo mi ha fatto capire quali erano i problemi che avevo incontrato e perché il sistema usato dalla stragrande maggioranza delle agenzie immobiliari non funzionava più.

Ci siamo seduti a un tavolo. Abbiamo approfondito tutte le varie problematiche e, senza nemmeno rendercene conto, avevamo creato una vera e propria strategia di vendita.

Una strategia di vendita specifica per il ramo immobiliare.

Avevamo creato il MIO sistema di vendita Immobiliare: il sistema Casa Facile.

Ma non è finita qui. Ho cominciato anche io ad interessarmi al Marketing, ad informarmi, a seguire corsi e leggere tutto quello che trovavo su Internet.

Quando un bel giorno mi sono imbattuto in un gruppo di agenti Immobiliari italiani che si riuniscono a Bologna con cadenza mensile. Ho fatto richiesta di adesione e dopo poco tempo mi hanno accettato nel gruppo ed ora anche io faccio parte di questo meraviglioso gruppo chiamato “INCEPTUM – Agenti Immobiliari a confronto”.

Ogni mese ci troviamo tra noi e passiamo una giornata intera a discutere e confrontarci su come riuscire a distinguersi dalla concorrenza utilizzando strategie e metodologie nuove.

La confusione oggi è sparita!!

Oggi finalmente so esattamente a cosa serve un agente Immobiliare.

Ma soprattutto so che avere un’agente Immobiliare serve. Eccome se serve!!

Oggi so che mettere un semplice annuncio su Internet non basta più per vendere una casa. Ci vuole altro. Molto altro.

Il sistema Casa Facile racchiude il meglio che ho potuto prendere della mia esperienza di agente immobiliare unito alle ultime conoscenze di Marketing acquisite negli ultimi mesi insieme anche al Gruppo “INCEPTUM – Agenti Immobiliari a confronto” con cui mi riunisco con cadenza mensile a Bologna.

Con il sistema Casa Facile mi sono posto un obiettivo ambizioso. Riportare la professione di agente Immobiliare a 25 anni fa, quando l’agente immobiliare era rispettato ed era visto con ammirazione, rispetto e prestigio.

Voglio tornare alla Consulenza, quella vera, quella fatta di professionalità, passione e…

 

 

Tanto tanto duro lavoro.

 

 

Vuoi saperne di più sul sistema di vendita Casa facile? Allora mandami un’email all’indirizzo

 

info@vincenzocardella.com

 

oppure chiamami al numero

079/416.28.20.

 

Fisseremo gratuitamente e senza impegno da parte tua un appuntamento per conoscerci e in quell’occasione ti mostrerò il mio personale ed innovativo piano di marketing.

Chiamami.

Vedrai non resterai deluso.

Aspetto un tuo cenno.

Puoi scrivermi all’indirizzo info@vincenzocardella.com oppure puoi telefonarmi al numero 079/416.28.20

Ti aspetto

A presto!

Vincenzo